Labrador Retrievers

Labrador Retrievers
Labrador Retrievers – Prenota Ora

Il Labrador Retrievers, conosciuto più semplicemente come Labrador, è una razza canina che risale almeno al 1830, quando i cani d’acqua di St. Johns allevati da coloni europei a Terranova furono introdotti per la prima volta e successivamente selezionati in Gran Bretagna. Il Labrador fa parte del gruppo dei Retriever, cani allevati e selezionati a partire dal XIX secolo. Cane di taglia media, di buon temperamento, intelligente, socievole, docile, tranquillo, eccellente nuotatore (anche grazie alla “palmatura” delle zampe), in origine è stato utilizzato soprattutto dai cacciatori come cane da riporto.

Caratteristiche fisiche

I Labrador Retrievers sono cani di taglia medio/grande e muscolosi. I maschi hanno un’altezza di 57/60 cm e un peso compreso tra i 31 e i 42 kg. Le femmine sono di norma di pochi centimetri più basse (53/56 cm) e pesano dai 25 ai 34 kg. Le principali caratteristiche di questa razza, a parte il colore, sono il risultato di un allevamento con obiettivo di riprodurre un perfetto Retriever.

La testa è larga, solida e appuntita, con tartufo ampio e dentatura a forbice. Il tartufo dev’essere di colore nero quando il mantello è nero o miele, mentre dev’essere marrone quando il mantello è chocolate, non sono ammessi altri colori o combinazioni. Gli occhi sono marroni o nocciola. Le orecchie devono essere triangolari, con attaccatura un po’ arretrata e devono pendere. Il collo è vigoroso, di media lunghezza e senza bargia. Il pelo è duro, liscio, molto spesso e lanoso, con sottopelo impermeabile, di colore nero, miele o chocolate, sempre unicolore.

Cuccioli di diversi colori possono far parte della stessa cucciolata: la tinta del pelo dipende da tre fattori genetici, i quali possono anche combinarsi e dar vita a varie sfumature. I colori ammessi dagli standard vanno da un crema a un “rosso volpe” per gli esemplari miele e da un marrone di media intensità a un marrone molto scuro per i chocolate. In quanto ai neri, il colore ammesso è un nero solido, senza sfumature particolari. È ammessa una macchia bianca sul petto di dimensioni non superiori a una moneta da due euro. La coda è di media lunghezza, grossa alla base e sottile verso la punta, come quella di una lontra, e ricoperta da un pelo corto, fitto e folto.

Origini

I Labrador Retrievers sono impiegati come cani da caccia. È un eccellente cane da riporto, grazie alla sua spiccata intelligenza, utilizzato anche nella caccia in palude. In passato il suo antenato, il cane di St. John, era presente a bordo delle barche dei pescatori dell’isola di Terranova e della penisola del Labrador che lo utilizzavano per recuperare le reti e gli strumenti di lavoro caduti in acqua. È spesso presente a bordo delle barche dei pescatori di Bretagna e Normandia. Nell’Europa continentale è principalmente allevato come cane da compagnia per il suo temperamento mite, affettuoso, socievole e anche molto tranquillo rispetto a tutte le altre razze di cani della stessa taglia o anche più piccoli.

È spesso utilizzato anche come guida per i non vedenti per merito delle sue doti di docilità e facilità di apprendimento unite a una taglia medio/grande che ne consente la facile gestione nella vita quotidiana, come il trasporto sui mezzi pubblici. Uno specifico addestramento gli consente di comprendere più di cento parole. Viene inoltre impiegato anche come cane di utilità dalle forze dell’ordine e dalla Protezione Civile. L’eccezionale fiuto gli consente infatti di scovare esplosivi e sostanze stupefacenti occultati, nonché di percepire la presenza di persone sotto neve e macerie. Non è invece consigliabile come cane da guardia poiché il suo temperamento è amichevole verso chiunque.

Carattere

Il Labrador è un cane mite, intelligente e molto amichevole. La sua indole buona e il carattere predisposto all’apprendimento lo rendono adatto a essere addestrato allo svolgimento di moltissime attività, dall’assistenza ai ciechi, al soccorso in acqua, alla ricerca di persone. Grazie al suo carattere estremamente docile e affettuoso è un ottimo cane da compagnia, particolarmente adatto a vivere in famiglia, meglio se munita di bambini, con cui ama molto giocare.

Va detto che la selezione originale è stata fatta sulla capacità di riporto della selvaggina, dunque è importante ricordare che un buon Labrador è un cane che ha bisogno di fare attività fisica. Per tenerlo in forma potrebbe bastare qualche passeggiata, in linea generale ama svolgere ogni genere di attività insieme ai compagni umani. Da cucciolo è particolarmente curioso e disponibile, sempre pronto a imparare da qualsiasi cosa trovi sul proprio cammino. A qualsiasi età è bene prestare molta attenzione alla sua alimentazione, poiché recenti ricerche hanno dimostrato che il Labrador è un cane predisposto geneticamente al facile accumulo di grasso, dote indispensabile alla sopravvivenza per il suo antenato, il cane di St. John.

Toelettatura

Alcune razze hanno un mantello costituito da due strati: uno esterno (più duro e spesso, che determina il colore esterno del cane) e un altro interno (più lanoso, morbido al tatto e fino). Questo strato rimane nascosto sotto quello superiore e consente di creare uno spazio d’aria fondamentale per mitigare la temperatura dell’animale. Lo protegge dal freddo, ma anche dal caldo.

I cani che possiedono questo sottostrato, come appunto i Labrador Retrievers, non vanno mai tosati, anche se può sembrare che soffrano molto il caldo. La tosatura distruggerebbe la sua arma naturale per la regolazione della temperatura, esponendolo al rischio di disequilibrare il calore corporeo. A prescindere dal colore del mantello, la muta del pelo è molto frequente; non è raro trovare in giro del pelo tutto l’anno; negli esemplari femminili due volte l’anno, appena prima del calore, la muta è abbondante e ció si riflette anche nelle femmine sterilizzate.

Quindi il Labrador tendenzialmente non avrebbe necessità di fare il bagno troppo spesso, ma il suo animo giocherellone, la voglia di correre, tuffarsi e rotolarsi nell’erba, fanno sì che un bel bagnetto sia necessario, specie se il nostro peloso vive in casa con tutta la famiglia.

Servizi di toeletta

Sono tantissimi i nostri clienti che, giornalmente, ci pongono domande sui servizi di toeletta forniti: bagni, tosature, stripping o altri servizi di toelettatura; quando, perché e con quale frequenza sia necessario sottoporre i nostri amati cucciolotti a questi trattamenti. Abbiamo perciò deciso di tentare di restringere il variegatissimo panorama delle oltre trecento razze canine, in macro categorie. E’ importante sottolineare che ogni razza ha le sue peculiarità e pertanto questi suggerimenti devono tuttavia essere considerati “generici”. È buona norma rivolgersi al proprio toelettatore di fiducia per apprendere consigli specifici .

Una distinzione specifica e significativa del mantello può essere fatta in base alla conformazione, alla distribuzione e alla lunghezza del pelo sul corpo del cane. È opportuno che sia il toelettatore che il proprietario, abbiano conoscenze specifiche del tipo di mantello del cucciolo da sottoporre ai Servizi di Toeletta.

Il principio fondamentale è la regolarità sia che si tratti di bagni, spazzolature o pettinature, sia che si richieda un lavoro di tosatura, taglio a forbice o stripping-trimming. E’ fondamentale sottolineare che per tenere un mantello esteticamente bello e soprattutto in salute, occorre una cura costante, differenziata per tipologia. Queste regole generali sono condizionate anche da fattori esterni che possono, anche sensibilmente, variare i tempi medi che stabiliremo in seguito.

A questi sevizi di toelettatura andranno sempre associate alcune operazioni di routine, non per questo meno importanti, come il taglio delle unghie, la pulizia delle orecchie ed il controllo degli spazi interdigitali e plantari. Operazioni che vi consiglieremo, di volta in volta, quando porterete il vostro cucciolo nel nostro Centro.

Il mantello a pelo raso

cani a pelo raso
Bagno cani a pelo raso – Prenota ora

Il primo tipo di mantello che andremo ad analizzare è quello raso; un pelo cortissimo, molto fitto e aderente alla pelle, come quello del Dalmata, del Boxer o del Dobermann. Il ricambio del pelo è costante durante l’anno, con un leggero picco di muta nel periodo estivo. Questo mantello richiede una “strigliatura” settimanale con un guanto antistatico, per evitare di trovarsi con i vestiti e il salotto pieni di piccoli aghi che si infilano ovunque. A questa accortezza che può essere soddisfatta dal proprietario, va aggiunto che per mantenere una corretta igiene del mantello, sarà un sufficiente un bagno ogni due mesi; in particolari condizioni ambientali è opportuno ridurre la frequenza dei bagni.

Errore comune è quello di pensare che, un cane che vive all’interno dell’abitazione, vive in condizioni meno problematiche rispetto al fedele amico che ha la sua cuccia in giardino: di solito le abitazioni singole con giardino, sono posizionate in zone meno inquinate e “industrializzate” rispetto a quelle in cui sorgono appartamenti. Và da sé che il cane che vive in casa, sarà più esposto a smog e altre componenti chimiche, durante le passeggiate esterne. Possiamo quindi definire un tempo medio per il bagno che varia tra un mese e due mesi. In tal caso, il nostro Centro potrà essere più preciso, dopo aver sottoposto ai Servizi di Toeletta il vostro cucciolo e aver verificato le condizioni in cui il vostro amico a quattro zampe si presentava.

Il nostro Centro utilizza prodotti specifici per il manto raso, che hanno una piccola componente oleosa, permettendo agli agenti inquinanti di non intaccare pelo e sottopelo e impedendo al manto di seccarsi causa polvere. Inoltre, in razze con manto raso e bianco, non è raro che il pelo poco lavato, tenda ad ingiallire o a sporcarsi facilmente. È un decorso naturale del pelo causato appunto dai fattori esterni e dagli agenti chimici; ed è per questo che i nostri toelettatori, nei casi di manto bianco, utilizzano anche shampoo specifici per quel colore che eliminano le macchie e ridonano lucentezza al pelo chiaro.

Il mantello a pelo medio/lungo

cani a pelo medio lungo
Bagno cani a pelo medio/lungo – Prenota ora

Per mantello a pelo medio intendiamo un’ampia gamma di lunghezza pelo che va dai pochi centimetri di pelo di razze come il Labrador o il Pastore Tedesco, al pelo un po’ più lungo come quello del Siberian Husky, del Terranova e del Samoiedo. Questa categoria è quella che comprende la maggior parte delle razze canine e pertanto proveremo a fornire regole generali che potranno essere meglio definite dal toelettatore al momento della presentazione nel nostro Centro. Anche in questo caso è opportuno che il proprietario agisca settimanalmente con una “strigliatura” con un guanto antistatico, al quale andrebbe affiancato l’utilizzo di un pettine a denti ben fitti e non molto lunghi.

Anche nel caso di pelo medio, per mantenere la salute del manto è sufficiente un bagno ogni due mesi; in questo caso però, oltre ai fattori esterni e alle peculiarità della razza, al fine di stabilire una giusta frequenza, va presa in considerazione la lunghezza effettiva del pelo. Più il pelo sarà lungo, più diminuisce la frequenza del bagno: a ciò va aggiunto che il bagno permette la caduta del “pelo morto”, riducendo sensibilmente la caduta nel periodo immediatamente successivo. Non dimenticate che ciò, oltre ad essere un toccasana per le condizioni della vostra abitazione, è di fondamentale importanza per la crescita costante del “pelo nuovo” che dona lucentezza al mantello del vostro amico a 4 zampe.

Le razze con pelo medio più lungo (Siberian Husky, Terranova, Samoiedo e tantissime altre ancora..), sono quelle che frequentano di più il nostro Centro, come peraltro tutti i laboratori di Toelettatura. La lunghezza del pelo e le particolari tipologie del mantello rendono difficoltosa una manutenzione e una pulizia periodica ad opera del proprietario. Ed inoltre è consigliabile una “mano esperta”, come quella dei nostri Toelettatori, che potrà agire laddove necessario.

Fattore comune è la tipologia di pelo, cheratinizzato e impermeabile, a cui si abbina un sottopelo inferiore rispetto al pelo di copertura. Un pelo che appare lanoso e profuso, tanto da mantenere costante la temperatura corporea dell’animale. Infine, questa categoria così come quella del mantello raso, non ha necessità di essere sottoposta a rasature o tagli a forbice, atteso che il mantello ha una funzione termoregolatrice in ogni stagione.

Il mantello a pelo frangiato

Bagno e stripping – Prenota ora

Passiamo ad un’ulteriore necessaria distinzione della categoria precedente, valutando la tipologia effettiva del pelo. La prima categoria in analisi è il pelo frangiato. A differenza dei cani con peli lunghi, che hanno tutto il corpo ricoperto da un pelo di lunghezza rilevante, il mantello del pelosetto con pelo frangiato è caratterizzato da differenze di lunghezza nelle varie parti del suo corpo. In questo caso avremo un pelo medio e semiruvido nelle zone del dorso e della pancia, abbinate a frange più o meno lunghe sulle orecchie, gli arti e il sottopancia. Esempi classici sono il Cocker Spaniel e il Setter.

Questi mantelli richiedono diverse tecniche combinate fra loro: una rasatura con tosatrice in alcune zone specifiche del corpo (variabili a seconda della razza), un lavoro di stripping o trimming sulle parti medio/corte e un’assidua e frequente spazzolatura con strumenti variabili per le frange. A titolo di esempio, possiamo ricordarvi che per un Golden Retriever è necessaria la regolazione con tosatrice dei peli sotto il collo, che oltre ad un questione estetica e di pulizia, garantisce comodità nella mobilità del vostro cucciolo. O ancora, la regolazione del pelo negli spazi interdigitali (particolarmente richiesta da diverse razze come ad esempio, Golden Retriever e Cocker) permette al vostro pelosetto di non avere difficoltà a camminare.

I lavori di trimming e stripping, per i quali rimandiamo alla specifica sezione, vanno eseguiti con una frequenza costante; ciò sia per ottimizzare il lavoro eseguito, sia per economizzare la vostra spesa. Se i lavori di stripping verranno intervallati con dei lavori di trimming (mantenimento), la distanza tra i Servizi di Toeletta aumenta sensibilmente. Ad esempio, se un cane ha bisogno dello stripping ogni quattro mesi, agendo con un trattamento di trimming a tre mesi, potremo agire con il secondo stripping ad una distanza di sei o sette mesi: come detto, il lavoro sul mantello del vostro cucciolo sarà più evidente, il costo dei trattamenti sarà più basso e, considerato che la durata del trimming è più bassa rispetto alla durata dello stripping, anche il vostro cucciolo sarà sottoposto a meno stress.

Infine, il lavaggio del mantello a pelo frangiato, ha bisogno di una frequenza mensile, atteso che la particolare tipologia di pelo permette allo sporco e agli agenti chimici, di penetrare nel sottopelo, causando cattivi odori e aumentando il rischio di malattie o irritazioni cutanee.

Il mantello a pelo ruvido

Cani a pelo ruvido
Bagni cani e stripping/trimming – Prenota ora

Più il pelo è ruvido, maggiore è la necessità di sottoporre il vostro cane ai trattamenti di stripping e trimming. Numerose razze come i Fox Terrier, i Lakeland, i Westie e tanti altri della famiglia terrier, gli Schnauzer, gli Spinoni e alcuni segugi, fanno parte del gruppo di razze caratterizzate da un pelo di tessitura veramente ruvida. La tecnica dello stripping favorisce l’eliminazione integrale del pelo morto e garantisce la crescita del nuovo, salvaguardando i colori accesi di queste razze e la loro tipica, necessaria e naturale “puntosità” di manto.

Alcune di queste razze hanno il corpo ricoperto da un pelo abbastanza corto, ad esclusione delle zone di barba, baffi, sopracciglia e arti. Altre, invece, presentano delle gonnelline. In razze come gli Scottish o il Westie, la presenza di zone del corpo con pelo più lungo, rende necessario abbreviare la frequenza del bagno che dovrà avvenire con cadenza mensile. Ancor meno per il Westie, razza dal mantello bianco, che necessiterebbe di un lavaggio anche ogni 20 giorni.

Lo stripping e le rasature di particolari zone (nelle razze in cui è richiesto) dovranno avere una periodicità di tre o al massimo quattro mesi, intervallate da un trattamento di trimming per il mantenimento della linea da eseguirsi al massimo ogni sessanta giorni.

In rari casi specifici, e solo dietro indicazione veterinaria, particolari condizioni impongono una rasatura con tosatrice sul corpo. Questa operazione va eseguita esclusivamente dietro necessità rappresentata dal vostro veterinario, perché rovina in breve tempo la tessitura e i colori del mantello.

Il mantello a pelo cordato

Bagno cani e taglio a forbice – Prenota ora

Il mantello a pelo cordato è particolarità dei Barboni e di poche altre razze (ad esempio il Komodor). Il pelo cordato è molto lungo, arricciato a cavatappi e forma dei caratteristici boccoli: un mantello pregiato ma raro, in quanto la maggior parte dei Barboni ha un pelo lanoso.

I cani a pelo lanoso non possono essere sottoposti a stripping ma vanno necessariamente tosati. La tosatura, di per sé, non elimina ma riduce il problema della perdita del sottopelo: in queste razze il sottopelo non si stacca, ma tende ad aggrovigliarsi col pelo di copertura e ad infeltrirsi. Si può lasciare che il pelo si infeltrisca, ottenendo così un pelo cordato o eliminare i nodi ogni giorno con un cardatore e una spazzola a denti larghi.

Tuttavia è da tener presente che, qualora si scelga di lasciare infeltrire il pelo, il risultato varia in ragione della tessitura del manto stesso. Spesso accade che il pelo infeltrito diventi solo un groviglio di nodi che fa sembrare il cane sporco e maltenuto. Agendo quotidianamente invece, si può eliminare una piccola quantità di sottopelo e il cane non sarà soggetto a muta. Nel caso in cui non si riesce ad operare quotidianamente, vi consigliamo di sottoporre il cane ad un bagno con frequenza mensile (mai superare il mese) e di agire con una tosatura ogni due o tre mesi. Tosatura che potrà essere anche eseguita lasciando il pelo medio/lungo, ma che comunque garantirà, insieme ai frequenti bagni, una corretta eliminazione del sottopelo, impedendo pertanto l’infeltrimento.

Conclusioni

Al termine di questo breve viaggio tra le varie razza canine, vi ricordiamo che questi dettami generali possono essere meglio esplicati e adattati alle particolari esigenze del vostro cucciolo, rivolgendosi direttamente ai nostri Toelettatori; in tal caso, avendo la possibilità di valutare il vostro cucciolo, i consigli e i suggerimenti saranno più specifici e funzionali per la cura e il benessere del vostro cane.